TRUMP: dichiara l’emergenza nazionale coronavirus

Spread the love

Il presidente Donald Trump di Washington (CNN) hadichiarato venerdì di dichiarare un’emergenza nazionale – “due parole molto grandi” – per liberare $ 50 miliardi di risorse federali per combattere il coronavirus anche se si è rifiutato di assumersi la responsabilità personale per i fallimenti dell’amministrazione all’inizio del focolaio.

L’annuncio faceva parte di una serie di nuove misure che Trump spera di poter tenere sotto controllo una crisi sanitaria in crisi dopo una settimana di altalene di mercato e gravi perturbazioni nella vita di tutti i giorni.
Mentre cercava di proiettare un’aria di competenza, Trump ha negato che ci fossero passi falsi che alcuni esperti di salute affermano di aver aggravato la crisi.
“Non mi assumo alcuna responsabilità”, ha affermato, insistendo sui problemi che hanno portato a una lenta distribuzione del kit di test sono stati colpa delle precedenti amministrazioni. “Ci hanno dato una serie di circostanze e ci sono state date regole, regolamenti e specifiche da un momento diverso”.
Parlando durante un evento pomeridiano nel Rose Garden, Trump ha riunito i dirigenti americani della vendita al dettaglio per annunciare che stavano donando risorse per istituire test drive-through in diverse località del paese, raccolti su un nuovo portale online che secondo lui sarebbe stato disponibile domenica sera.
Più tardi venerdì sera, tuttavia, le aziende hanno indicato di avere pochi dettagli su quanti test potevano offrire o su quando i kit di prova sarebbero stati disponibili. E Google – la società Trump ha affermato che stava sviluppando la piattaforma online – ha affermato che non stava pubblicando un sito Web su scala nazionale ; una società affiliata basata sulla salute della società madre di Google, Alphabet, sta lanciando un sito Web su piccola scala per iniziare il triage solo dei pazienti con sede in California.
Trump ha continuato dicendo che stava permettendo al suo segretario per la salute di bypassare alcune normative per fornire maggiore flessibilità ai medici e agli ospedali in risposta allo scoppio.
E ha annunciato che stava rinunciando agli interessi sui prestiti agli studenti e acquistando più petrolio greggio per la riserva strategica degli Stati Uniti per riempirlo “fino in cima”.
Dopo un discorso in prima serata ampiamente deriso che ha preceduto un crollo storico delle scorte, Trump ha affrontato le pressioni per dimostrare una gestione della crisi. A differenza di quell’indirizzo, che ha definito il virus una minaccia straniera, la dichiarazione di venerdì indicava una vera e propria crisi interna che richiedeva ingenti risorse federali.
Ha detto che l’azione di emergenza “scatenerà il pieno potere del governo federale” e ha invitato gli americani a riunirsi in un momento di tensione nazionale.
“Attraverso un’azione molto collettiva e un sacrificio condiviso, determinazione nazionale, supereremo la minaccia del virus”, ha detto.
Ma le stesse parole di Trump a volte smentivano un senso di unità politica. Ha incolpato i democratici di non essersi piegati abbastanza nei negoziati su un pacchetto legislativo per combattere il coronavirus e ha accusato le amministrazioni passate – in modo fuorviante – di ostacolare la sua capacità di affrontare il virus.
I ritardi nei test, tuttavia, sono stati controllati da Trump e persino il Dr. Anthony Fauci, il principale specialista in malattie infettive della nazione, ha dichiarato questa settimana che la situazione è stata un “fallimento”.
Venerdì Trump ha anche affermato di non avere alcuna conoscenza del fatto che un gruppo di controllo della pandemia all’interno del proprio Consiglio di sicurezza nazionale sia stato sciolto sotto la sua sorveglianza, ponendo una domanda sull’argomento “cattiva”.
“Non ne so nulla”, ha detto. “Quando dici ‘me’, non l’ho fatto.”
La direzione sanitaria globale del Consiglio di sicurezza nazionale è stata trasferita in altre aree del consiglio nel 2018.
Anche mentre stava annunciando un aumento della capacità di test per il coronavirus, il Presidente ha detto venerdì di non credere che tutti gli americani dovrebbero correre per essere testati.
“Non vogliamo che le persone facciano un test se riteniamo che non dovrebbero farlo. E non vogliamo che tutti scappino e prendano – solo se si hanno determinati sintomi”, ha detto nel Rose Garden .
Una persona che ha suggerito di fare un test era lui stesso, dicendo che probabilmente ne avrebbe ricevuto uno “abbastanza presto”, dopo essere entrato di recente in contatto con un funzionario brasiliano che in seguito si è rivelato positivo.
Se quell’incontro ha sorpreso Trump a intraprendere ulteriori azioni protettive per impedirsi di contrarre o diffondere il virus, tuttavia, venerdì non è stato messo in evidenza. Durante il suo evento Trump ha stretto la mano a quasi tutti i dirigenti al dettaglio che sono saliti sul suo podio per parlare, cessando solo quando il partecipante finale ha offerto invece una protuberanza al gomito.
“Mi piace. Va bene,” disse Trump.
Il presidente, che ha iniziato le sue osservazioni concedendosi complimenti per la sua risposta allo scoppio, sembrava ancora credere che la diffusione potesse essere limitata anche quando ha anche suggerito che sarebbe peggiorato prima di migliorare.
“Potrebbe andare peggio. Le prossime otto settimane sono fondamentali”, ha detto Trump. “Alcuni medici affermano che passerà attraverso, scorrerà. Termini interessanti.”
Trump è stato messo sotto pressione affinché intraprendesse un’azione più decisiva poiché il virus inizia a modificare la vita quotidiana di quasi tutti gli americani.
Giovedì, la CNN ha riferito che il Presidente aveva deciso di fare la dichiarazione di emergenza ma che era in fase di revisione legale alla Casa Bianca.
Il governatore di Washington Jay Inslee, un democratico, ha parlato giovedì con il vicepresidente Mike Pence e ha chiesto all’amministrazione Trump di dichiarare un’emergenza per fornire assistenza vitale a stati come Inslee che sono in prima linea nella crisi del coronavirus, un funzionario dello stato di Washington detto alla CNN.
Il funzionario ha detto alla CNN di “sperare che l’annuncio (di venerdì) fornirà il tipo di assistenza richiesta dal governatore”.
Gli aiutanti della Casa Bianca hanno soppesato la mossa da diversi giorni come un modo per fornire più risorse per combattere l’epidemia di coronavirus . Trump ha anche discusso se sostenere un pacchetto legislativo per combattere l’epidemia negoziata dalla portavoce Nancy Pelosi e dal suo segretario al tesoro Steven Mnuchin.
Trump ha segnalato nel Rose Garden che attualmente non supporta la legge sul coronavirus della Camera dei Democratici, che – tra l’altro – fornirebbe un congedo retribuito agli americani che non possono andare a lavorare durante la pandemia.
“Non pensiamo che stiano dando abbastanza. Non pensiamo che i democratici stiano dando abbastanza”, ha detto.
La dichiarazione di emergenza libererebbe finanziamenti e consentirebbe all’Agenzia federale di gestione delle emergenze di dirigere determinati aspetti della risposta alle epidemie.
All’inizio di questa settimana, il leader della minoranza al Senato Chuck Schumer, in collaborazione con Democratic Sens. Patty Murray dello stato di Washington e Gary Peters del Michigan, ha inviato una lettera chiedendo a Trump di “immediatamente” prendere in considerazione le richieste di dichiarazione di disastro per il coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.