Coronavirus: Cisal al fianco di lavoratori e imprese colpiti dalla crisi economica. Attivata task force per la trasparenza su accordi sindacali

Spread the love

Accordi sindacali, trasparenza ed immediatezza per ridurre al minimo l’iter burocratico per le casse integrazioni e ammortizzatori sociali, allontanando speculatori improvvisati, a favore dei lavoratori delle imprese maggiormente colpite dalla crisi economica da coronavirus. La Cisal Campania, per prima tra le maggiori rappresentanze sindacali, attua una strategia operativa con la costituzione di una task force di assistenza operativa e la nomina di delegati per la sottoscrizione degli accordi previsti dalla normativa. Bartolomeo Merola segretario regionale Cisal e Marco Mansueto responsabile dell’Unione Provinciale di Napoli hanno delegato i professionisti Dott. Agostino Ingenito, Dott. Michele Somma, Avv. Maurizio Del Rosso, dott. Luigi Del Fato, Dott. Paolo Staiano, Dott. Riccardo Trimarco, Dott. Francesco Sorrentino, il Dott. Pasquale Ambrosio e gli avvocati Renato e Giovanni Merola, alla sottoscrizione degli accordi sindacali, con la visione dello studio legale dell’ avvocato Casizzone Enzo e avvocato Hubler Erika.Si tratta di una scelta mirata ad evitare confusione tra le imprese e i lavoratori che potranno avere un immediato contatto con i professionisti delegati per procedere ad accordi trasparenti, chiari e che puntino all’ottenimento degli ammortizzatori sociali previsti senza ulteriori indugi. Merola e Mansueto – dichiarano – che “La Cisal fin dalle prime ore della pubblicazione del Decreto Cura Italia ha attivato una task force di assistenza sindacale, con un centro studi e l’immediata sottoscrizione dell’accordo regionale per garantire la piena tutela dei lavoratori dei diversi settori economici colpiti dall’emergenza covid-19.” Le imprese i dipendenti i consulenti del lavoro e professionisti potranno contattare la Cisal alla seguente email info@cisalnapoli.org per attivare le procedure dell’accordo sindacale necessario per l’attivazione delle casse integrazioni o per attingere agli altri ammortizzatori sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.