Torre Annunziata (NA): GdF, usura ed estorsione, sequestro patrimoniale

Carabinieri, guardia di finanza e polizia in azione per effettuare controlli straordinari e perquisizioni a seguito degli episodi di criminalità avvenuti nei giorni scorsi a Ostia, 28 novembre 2017.ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Spread the love

I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno provveduto ad eseguire un decreto di sequestro patrimoniale, per un valore di circa 250 mila euro, nei confronti di Perfetto Salvatore – residente nel comune di Torre del Greco (NA) – già tratto in arresto lo scorso 19 febbraio per i reati di usura ed estorsione. II provvedimento è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata all’esito di una complessa indagine che è stata svolta, sotto il coordinamento di questa Procura della Repubblica, dai finanzieri della Compagnia di Torre del Greco, prendendo le mosse da accertamenti investigativi sviluppati su alcune operazioni economiche anomale e del tutto sproporzionate rispetto alle capacità reddituali del menzionato soggetto. Sulla base delle risultanze raccolte nel corso delle attività d’indagine, era già risultato un grave e circostanziato quadro indiziario, a dimostrazione dell’abitualità dell’attività illecita posta in essere dall’indagato, il quale, anche in concorso con una sodale, aveva prestato, nel tempo, ingenti somme di denaro a diversi soggetti e imprenditori della zona corallina, richiedendo il pagamento di interessi mensili pari al 20% del capitale prestato (per un complessivo interesse annuale pari al 120%). In particolare, le vittime venivano costrette, anche con il ricorso a vere e proprie percosse, alla retribuzione mensile degli interessi fino a quando queste ultime non sarebbero state in grado di restituire in un’unica tranche l’intero ammontare del prestito elargito, con il rischio, quindi, di non porre mai fine al soffocante rapporto di soggezione con i propri aguzzini. Gli accertamenti patrimoniali delegati da questa Procura della Repubblica hanno consentito alla Guardia di Finanza di Torre del Greco di ricostruire l’intero patrimonio finanziario, mobiliare ed immobiliare dell’indagato. In specie, veniva accertata una sproporzione fra la capacità reddituale del medesimo (e del rispettivo nucleo familiare) e le effettive disponibilità patrimoniali e finanziarie nella sua concreta disponibilità. Le fiamme gialle, pertanto, sottoponevano a misura ablativa i beni riconducibili a Perfetto Salvatore, sequestrando un appartamento con box ubicato in Torre del Greco (NA) ed un appartamento in Castelnuovo Cilento (SA), due autovetture ed un motociclo nonché un orologio da polso di pregio (marca Rolex), per un valore complessivo di circa euro 250 mila euro, costituenti il frutto o il reimpiego dei reati commessi ed accertati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.