M5S: “Violenze domestiche, non si fermino le attività dei centri regionali”

I consiglieri regionali Cammarano e Cirillo: “La Regione investa nella promozione del numero verde 1522”

“Le misure restrittive cui siamo tutti sottoposti per arginare il contagio provocato dal Coronavirus rischia di essere un boomerang per le donne vittime di violenza domestica”. Lo hanno dichiarato i consiglieri regionali M5S Michele Cammarano e Luigi Cirillo.

“I dati evidenziano che dall’inizio della epidemia e con un incremento delle misure di contenimento, le richieste di aiuto ai centri antiviolenza della Campania sono diminuite sensibilmente. Questo non vuol dire che il fenomeno si sia attenuato, ma che per le donne potrebbe risultare più difficile denunciare in quanto sotto stretto controllo dai conviventi. La Regione deve controllare che i Cav territoriali continuino la loro attività di sostegno psicologico, sanitario, educativo e legale e promuovere il numero verde e la app “1522”, disponibile su IOS e Android, che consente alle donne di chattare con le operatrici e chiedere aiuto e informazioni in sicurezza, senza correre il rischio ulteriore di essere ascoltate dai loro aggressori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: