Truffe all’Inps, vasta operazione della GdF di Caserta

Spread the love

Caserta – Al termine di una lunga e complessa attività investigativa condotta dalla Guardia di Finanza di Caserta per conto della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, sono risultate 40 le persone indagate a viario titolo per aver truffato l’INPS allo scopo di ottenere illecitamente prestazioni economiche nel settore delle invalidità civile. I meticolosi accertamenti investigativi, svolti anche con intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno permesso di individuare un’associazione a delinquere capeggiata da un avvocato del foro di Santa Maria Capua Vetere che gestiva illecitamente numerose pratiche previdenziali e assistenziali al fine di far ottenere ai propri clienti il riconoscimento, anche in via giudiziale, di assegni e pensioni di invalidità e indennità di accompagnamento non dovute, grazie all’utilizzo di false certificazioni mediche e false perizie medico-legali. Tra i nove indagati che sono ora accusati di aver fatto parte di un vero e proprio gruppo criminale compaiono l’avvocato casertano, promotore e organizzatore del sistema truffaldino che gestiva, direttamente o indirettamente, le pratiche per il riconoscimento dell’invalidità civile; una titolare di un patronato in Casapulla, che reclutava soggetti interessati ad ottenere illecitamente le provvidenze pubbliche; un dipendente del Comune di Caserta, che reclutava anch’esso possibili “clienti”; un funzionario dell’Inps, all’epoca con delega a rappresentare l’Istituto di Previdenza Sociale nel contenzioso giudiziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.