Coronavirus: S. Nappi su scuola, “no a studenti di serie A e serie B”

Spread the love

“La scuola è di tutti ma non al Sud dove l’emergenza sanitaria rischia di avere sul mondo dell’istruzione un impatto devastante. Migliaia di studenti, soprattutto delle fasce sociali più disagiate, rischiano di rimanere tagliati fuori per la mancanza di supporti tecnologici”. Così in una nota Severino Nappi di Il Nostro Posto, che aggiunge: “In Campania, dove combattiamo anche una dura battaglia contro la dispersione scolastica, ben 4 famiglie su 10 non hanno un dispositivo in casa per seguire le lezioni che da settimane si tengono a distanza e restano di fatto esclusi dalla didattica”. “E’ inaccettabile che anche nell’emergenza, ci siano studenti di serie A e di serie B. Il governo e la Regione si attivino immediatamente stanziando le risorse necessarie per garantire ai giovani il diritto all’istruzione, un diritto garantito dalla Costituzione e che non può avere limitazioni determinate dalle condizioni economiche o dal gap tecnologico”, conclude Nappi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.