VIALLI “Dopo 17 mesi, nessun segno della malattia”

Spread the love

4 Coppe Italia, 2 scudetti, 2 Coppa delle Coppe, 1 Coppa UEFA, 1 Supercoppa UEFA, 1 Champions League, più di 200 gol in carriera e tantissimo altro… ma la sua vittoria più grande l’ha ottenuta fuori dal campo da gioco.

Gianluca Vialli fa, indelebilmente, parte della storia del calcio italiano e viene ricordato per le sue grandi imprese con le maglie di Sampdoria, Juventus, Chelsea e della Nazionale.

Però, negli ultimi anni, ha dovuto combattere contro un nemico fortissimo; più forte di qualsiasi giocatore che lui abbia mai incontrato: il cancro.

L’ex centravanti ha voluto commentare, in questi giorni, la sua lotta contro la malattia e, con una intervista su Repubblica, ha annunciato la sua vittoria.

 “sono felice, anche se lo dico sottovoce, a dicembre ho concluso diciassette mesi di chemioterapia, un ciclo di otto mesi e un altro di nove. È stata dura, anche per uno tosto come me, dal punto di vista fisico e mentale. Gli esami non hanno evidenziato segni di malattia».

Una notizia che fa felici tutti: amanti dello sport e non; in un periodo difficile colmato da notizie che per il 90% sono di tragedia.

Vialli è riuscito a “dribblare” la malattia e segnare il suo gol più importante.

Intanto si accoda a chi vorrebbe che il calcio tornasse solo quando il Covid-19 sarà un lontano ricordo: “In questo contesto pensare al calcio non ha senso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.