Fase 2, Iervolino (Radicali): election day a settembre sbagliato, campagna elettorale ad agosto improponibile

Passeggeri in partenza dalla stazione centrale di Milano nel giorni d'inizio della fase 2 durante l'emergenza Coronavirus, Milano, 4 maggio 2020. ANSA/Mourad Balti Touati

“L’ipotesi di un election day che, in una sola volta, consenta ai cittadini di esprimersi su regionali, amministrative e referendum costituzionale a metà di settembre è insensata. Sebbene il comitato tecnico-scientifico sia favorevole a questa possibilità, vi sono delle considerazioni non meno importanti da fare: pensare a una campagna elettorale che si tenga ad agosto è irresponsabile, per di più in questo momento siamo impreparati e lontani dal poter garantire il pieno esercizio dei diritti politici a tutti i cittadini in queste circostanze. Ieri, come Radicali Italiani, abbiamo manifestato davanti al Parlamento per chiedere strumenti a garanzia dei processi democratici sia elettorali che di iniziativa popolare. Un intervento che non è più procrastinabile. È necessario, quanto prima, allargare la platea degli autenticatori e prevedere la possibilità di sottoscrizione delle liste e delle iniziative popolari attraverso la firma digitale, così è indispensabile assicurare lo svolgimento del voto domiciliare o per corrispondenza per chi dovesse trovarsi in isolamento domiciliare. Sono requisiti essenziali per garantire la più ampia partecipazione alla vita politica del paese, indispensabile per un appuntamento triplice come quello che si ipotizza” dichiara Massimiliano Iervolino, Segretario di Radicali Italiani. “Se si dovesse dare seguito a questa ipotesi, lo spread democratico con i paesi più avanzati sul terreno degli strumenti di partecipazione continuerebbe ad allargarsi. Per questo il Governo deve agire subito con l’obiettivo di salvaguardare i principi costituzionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: