Sampdoria corsara a Bergamo. Ora Gasperini che scusa troverà?

Sampdoria corsara a Bergamo. Ora Gasperini che scusa troverà?

Il sabato pomeriggio si apre con la sfida tra due vecchie volpi  del campionato italiano. L’Atalanta di Gasperini che arriva dalla bella scoppola del Sam Paolo contro il Napoli affronta la Sampdoria di Ranieri. Sir Claudio è statisticamente la bestia nera di Gasperini. Quindi il compito dei bergamaschi è ancora più arduo. Al 6’ occasione per l’Atalanta: Il capitano dell’Atalanta vince un rimpallo e da terra calcia verso la porta di Audero: provvidenziale la deviazione con la caviglia di Bereszynski. Goal mangiato gol subito. La regola non si smentisce mai. Al 13 i doriani passano in vantaggio. A segnare è Quagliarella Il bomber della Sampdoria riceve da Damsgaard, ubriaca Palomino con una finta e trafigge Sportiello col mancino: blucerchiati in vantaggio. La sfida vede anche un difensore tentare la via del goal. L’ex azzurro Tonelli s’avventa sul pallone su un cross teso di Ramirez La Samp alla fine del primo tempo ha l’occasione di raddoppiare. Quagliarella si presenta sul dischetto del rigore ma Sportiello neutralizza. Il rigore è stato assegnato per fallo di braccio di Mojica su tiro di Jankto. Nel secondo tempo la musica non cambia, Ranieri imbriglia l’Atalanta bloccando le due fasce e impedendo i cambi di gioco. I nero-azzurri sono costretti a giocare centralmente ma vanno a sbattere contro la muraglia doriana. La Sampdoria prende coscienza delle difficoltà orobiche e raddoppia. Accade al 58’ c’è un cross dalla destra di   Jankto e Thorsby incorna raddoppiando. L’Atalanta è a terra anche perché stanca dalla sfida di Champions League. Anche il morale  è a terra. Le espressioni di Papu Gomez ne sono la conferma. A rivitalizzare la dea bergamasca è un fallo stupido ed inutile di Keita Balde che colpisce in pieno Zapata. Dopo che l’arbitro Calvarese va a rivedere le immagini, Zapata batte il rigore che permette all’Atalanta di accorciare. La Samp cerca di difendere il vantaggio. Lo fa senza affanni. In contropiede in zona recupero la Sampdoria chiude la pratica. Contropiede di Keita che passa a Jankto che piazza il pallone sul palo lontano e fa 1-3 L’impressione che la squadra d Gasperini la si conosce ormai e può essere contrasta adesso. Ranieri si conferma bestia nera ma questa è materia del grande Peppino de Filippo che diceva” Non è vero ma ci credo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: