Repubblica di Napoli :” Ecco chi ha vinto il Lotteria d’Agnano 2021!”

Ieri si è svolto il Lotteria d’Agnano 2021. La notizia è riportata dalla Repubblica di Napoli di oggi

 

Alrajah One con Alessandro Gocciadoro (scuderia My Horse) ha vinto il Gran Premio Freccia d’Europa – Trofeo Gianni Campili, eguagliando il record della pista di Vivid Wise As e Owen’s Club. Alle spalle del vincitore Antony Leone, Zefiro d’Ete, Zadig del Ronco e Axl Rose. Una vittoria tutta da assaporare per Alex Gocciadoro che fa il bis del record della pista (1.10.4), nello stesso gran premio a distanza di un anno: nel 2020 con Vivid Wise As, quest’anno con Alrajah. Nel 2013 il record fu di Owen’s Club nella finale di consolazione del Lotteria. «Abbiamo vinto prima il Derby continentale e adesso questo Freccia d’Europa con lo stesso tempo», ha detto il driver. «Sono io stesso impressionato favorevolmente dal cavallo, spesso il salto alla categoria sopra i 4 anni risulta ostico. Invece lui ha dimostrato di poter correre ad armi pari con i più forti ed è questo l’aspetto più importante al di là della vittoria. La gara è stata abbastanza semplice, una volta indovinata la partenza è stato tutto lineare. Abbiamo un super cavallo e ce lo godiamo». Nel corso della cerimonia di premiazione il proprietario del cavallo Bernardo Izzo ha ritirato i trofei per la scuderia torrese My Horse, che fa capo a Vincenzo Izzo e Maria Perna. «Siamo felici, abbiamo visto la corsa in tv e ringraziamo il driver Gocciadoro che ha plasmato Alrajah One, portandolo da buon cavallo a campione», hanno affermato i proprietari, raggiunti telefonicamente. I vincitori della corsa di Agnano, che ha ricordato il giornalista Gianni Campili, sono stati premiati da Ivan Campili con una coppa d’argento in memoria del papà, da Luca D’Angelo (Ippodromi Partenopei), Oreste Trudi (Snapt), Vincenzo D’Alessandro jr (Ciga), Gennaro Riccio (Siag). La scorsa settimana ad Agnano c’è stata la visita di Francesco Battistoni, sottosegretario Mipaaf con delega all’ippica, che ha parlato della struttura napoletana come un impianto strategico: «Ci sono molte idee per la ripresa, dobbiamo metterci tutti intorno allo stesso tavolo, capire che l’obiettivo è comune e concertare le soluzioni migliori. Sono convinto che potremo dare forte slancio al settore». Sul ritorno del pubblico negli ippodromi, dove si corre a porte chiuse dallo scorso ottobre, ha annunciato: «Stiamo lavorando, come per la prima riapertura dove siamo stati i primi a riaprire al pubblico – ha detto Battistoni – In più oggi abbiamo dalla nostra il dispositivo redatto per la partecipazione agli Internazionali di tennis e quindi essendo gli ippodromi all’aperto lavoreremo in questa direzione per consentire quanto prima la partecipazione del pubblico anche nei nostri impianti». «L’ippica è l’unico settore rimasto sempre aperto in pandemia, manca l’ultimo passaggio di dare al grande pubblico la possibilità di vedere dal vivo queste meravigliose corse», ha invece evidenziato Francesco Saverio Abate, capo dipartimento promozione ippica del Mipaaf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: