Il Sole entra in un nuovo ciclo e raggiungerà il picco nel 2025

Preparatevi all’aumento dell’attività solare e ad altre macchie solari poiché il periodo relativamente tranquillo del Sole è ora ufficialmente terminato, annunciato ieri dagli scienziati della NASA e un nuovo ciclo, denominato ciclo 25, è iniziato.

Uno dei modi più basilari con cui gli scienziati studiano come l’attività solare aumenta e diminuisce nel tempo, è con una matita e un pezzo di carta.

Armati di questa semplice soluzione a bassa tecnologia, team di collaboratori in tutto il mondo segnano la posizione delle macchie solari alla stessa ora ogni giorno per coerenza, su una semplice immagine del sole.

Circa 80 stazioni in tutto il mondo contribuiscono a questi dati e, una volta registrati, i censimenti giornalieri delle macchie solari vengono quindi inviati per l’elaborazione al World Data Center per l’indice Sunsport e le osservazioni solari a lungo termine presso l’Osservatorio reale del Belgio a Bruxelles.

Tuttavia, gli scienziati non fanno affidamento solo sull’attività delle macchie solari. Altri indicatori aiutano anche a determinare quando il Sole sta raggiungendo un minimo, come un aumento dei raggi cosmici nel sistema solare.

Normalmente, il forte campo magnetico del Sole fornisce uno scudo protettivo attorno a tutti i pianeti, il che rende difficile l’infiltrazione di radiazioni altamente energetiche. Ma quando il Sole è al minimo solare, il campo magnetico ordinato e rilassato si indebolisce ai poli permettendo ai raggi cosmici di penetrarvi.

Negli ultimi anni, l’attività solare durante l’ultimo ciclo, il ciclo 24, è stata relativamente bassa, hanno detto gli esperti della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) durante un evento mediatico martedì. Nel dicembre 2019 questa pausa nel comportamento è terminata quando le statistiche del gennaio 2020 hanno mostrato che il numero di macchie solari è aumentato per la prima volta dal massimo del ciclo 24 nell’aprile 2014.

Queste cifre sono state appena confermate perché il nostro Sole è così variabile e possono volerci mesi per dichiarare l’inizio di un nuovo ciclo solare, ha detto la NASA.

“Quando emergiamo dal minimo solare e ci avviciniamo al massimo del ciclo 25, è importante ricordare che l’attività solare non si ferma mai; cambia forma quando il pendolo oscilla “, ha detto Lika Guhathakurta, scienziata solare presso la divisione Heliophysics presso la sede della NASA a Washington.

Si prevede che questo nuovo ciclo avrà all’incirca la stessa forza del ciclo solare appena terminato, che era al di sotto della media, ma non senza rischi.

“Solo perché si tratta di un ciclo solare inferiore alla media, non significa che non vi sia alcun rischio di condizioni meteorologiche spaziali estreme”, afferma Doug Biesecker, co-presidente del panel e fisico solare presso lo Space Weather Prediction Center (SWPC) della NOAA a Boulder, in Colorado.

“L’impatto del sole sulla nostra vita quotidiana è reale ed è presente. SWPC ha personale 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno perché il Sole è sempre in grado di darci qualcosa da prevedere “.

Comprendere il comportamento del Sole è importante non solo per salvaguardare i satelliti ei segnali di comunicazione da violente esplosioni solari, ma anche per aiutare a mitigare l’esposizione degli astronauti alle radiazioni nocive.

“Non c’è brutto tempo, solo una cattiva preparazione”, ha detto Jake Bleacher, capo scienziato per la direzione della missione per l’esplorazione umana e le operazioni della NASA presso la sede dell’agenzia. “La meteorologia spaziale è quello che è: il nostro compito è prepararci.”

Il mese scorso la NASA ha selezionato cinque proposte per studi concettuali di missioni per aiutare a migliorare la comprensione delle dinamiche del Sole.

Questi includono, Solar-Terrestrial Observer for the Response of the Magnetosphere (STORM); HelioSwarm: The Nature of Turbulence in Space Plasmas; Solar Explorer multi-fenditura (MUSE); Auroral Reconstruction CubeSwarm (ARCS) e Solaris: Revealing the Mysteries of the Sun’s Poles.

Le proposte, finanziate dal programma Heliophysics Explorers della NASA, riceveranno 1,25 milioni di dollari per condurre uno studio del concetto di missione di nove mesi e l’agenzia sceglierà fino a due proposte da avviare al lancio.

“Siamo costantemente alla ricerca di missioni che utilizzino tecnologie all’avanguardia e nuovi approcci per spingere i confini della scienza”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per Science Mission Directorate della NASA ad agosto.

“Ognuna di queste proposte offre la possibilità di osservare qualcosa che non abbiamo mai visto prima o di fornire approfondimenti senza precedenti in aree chiave di ricerca, il tutto per favorire l’esplorazione dell’universo in cui viviamo”.

Nel frattempo, gli scienziati stanno attualmente lavorando su modelli predittivi in ​​modo che un giorno possano prevedere il tempo spaziale proprio come i meteorologi prevedono il tempo sulla Terra.

Per aiutare nel processo, la NOAA sta lanciando un satellite Space Weather Follow-On (SWFO) progettato per effettuare misurazioni dirette, in situ, del plasma termico del vento solare e del campo magnetico “a monte” della Terra.

Ciò aiuterà gli scienziati a fornire avvertimenti sui potenziali eventi meteorologici spaziali che potrebbero causare danni alla rete elettrica e ai sistemi di navigazione e di temporizzazione come il Global Positioning System (GPS).

Il lancio del satellite è previsto nel 2024, prima del picco previsto del ciclo solare 25 nel luglio 2025.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: